La “Trapassjuoni”

Centro Studi Sortino Antica
29 maggio 2019 ore 19.00
Galleria Museografica Comunale Sortino

Grande successo ieri a Sortino per la  “recita in LINGUA siciliana” della Trapassjuoni, espressa in forma di lettura recitativa.
Questo evento è una replica voluta da Carmencita Bruno che ha coinvolto Gioacchino Bruno, responsabile dell’Antiquarium medievale di Sortino, l’evento già messo in scena a Floridia il 18 aprile 2019 a centro JERNA.

Molti si sono chiesti cosa è  la “Trapassjuoni”?
Giuseppe Mazzarella autore e interprete così la descrive: L’opera trae origine da un’antica usanza vissuta nelle case floridiane: durante i 40 giorni di Quaresima, veniva tramandato oralmente il contenuto di un vangelo apocrifo. Racconta come sia avvenuto il trapasso della assunzione della madonna in cielo.
È una lettura espressiva nata dall’incontro con la professoressa Antonella Mastroianni, la quale ha curato la regia. La prima volta che le ho fatto ascoltare a braccio Trapassjuoni si è stupita del fatto che conoscessi così bene un contenuto di cui lei non aveva memoria: la nonna dalla quale avevo registrato la Trapassjuoni, è infatti anche nonna della professoressa Mastroianni. Si sono proposti come pionieri di questa rappresentazione inedita: Maria Burgio, Milena Mazzarella, Carmelo Carpinteri e Pippo Mudanò. Hanno dimostrato un grande interesse nel riprodurre un documento. Hanno cercato di rispettare al meglio accenti e termini, al fine di non snaturare la narrazione stessa.

Per un approfondimento si può leggere l’articolo:  Pubblicato da whipart.it

Per essere sempre aggiornati sulle nostre iniziative.
E’ possibile scaricare l’App. MUSEIBLEI
da Play Store per Android Smartphone


 

Consegna attestati “Mani Giovani per Antichi Mestieri”

Martedì 7 Maggio 2019 al Museo Civico Tempo di Canicattini Bagni la consegna degli attestati ai partecipanti dei Corsi gratuiti della Scuola comunale degli Antichi Mestieri e Tradizioni Popolari al termine della prima fase del progetto.

Saranno consegnati Martedì 7 Maggio 2019 alle ore 18:00 al Museo Civico Tempo di via De Pretis 18 a Canicattini Bagni, gli attestati di partecipazione ai numerosi corsisti provenienti da tutta la Sicilia, che hanno aderito alla prima fase di avvio e promozione del progetto “Mani giovani per Antichi Mestieri” della Scuola comunale di Antichi Mestieri e Tradizioni Popolari.

A consegnare gli attestati, a conclusione delle lezioni di avvio della Scuola, saranno il Sindaco di Canicattini Bagni, Marilena Miceli, che ha promosso il progetto che ha sedi anche a Floridia e Sortino, e i responsabili delle due strutture ai quali è affidata la gestione, l’etnoantropologo e guida naturalistica, Paolino Uccello, per il Sistema Rete Museale Iblei, e Silvia Spadaro, per l’ente di formazione Ermes.

La Scuola, coordinata da Cetty Bruno, è stata finanziata al Comune di Canicattini Bagni dall’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, con un fondo di 85.720,00 euro, ed è destinata soprattutto ai giovani a cui vuole trasferire il ricco e prezioso patrimonio culturale, storico, popolare e paesaggistico degli Iblei.

Apprendere dal passato per costruire il futuro, questo il lavoro che hanno iniziato a svolgere in questa prima fase del progetto gli esperti e i ricercatori della Rete dei Musei etnoantropologici dell’entroterra siracusano, che anima la Scuola attraverso il Museo Civico Tempo (Museo dei Sensi, del Tessuto, dell’Emigrazione e della Medicina Popolare) di Canicattini Bagni, il Museo Etnografico “Bruno” di Floridia, l’Antiquarium del Medioevo sortinese di Sortino, la Casa do fascitraru Museo dell’apicoltura tradizionale di Sortino, e il Museo dell’Opera dei Pupi di Sortino.

Nelle tre sedi di Canicattini Bagni, Floridia e Sortino, in questi mesi, infatti, sono stati tenuti Corsi di avvicinamento e promozione all’apprendimento dell’arte e dell’intreccio di antiche manualità contadine e artigiana, in particolare su: Sartoria, Costumista, Stilista, Panificatore, Pasticciere di antichi dolci siciliani, Fitopreparatore, Lavorazione della pietra, Tessitura, Apicoltura, Costruttore di Pupi, Miniaturismo, Decorazione Pittorica, Tecnico dell’intreccio.

Un nuovo modello di sviluppo occupazionale e di crescita sostenibile, sempre più apprezzato dal mercato nazionale ed internazionale, dunque, quello che si offre soprattutto alle giovani generazioni con la seconda fase di studio e approfondimento del progetto “Mani Giovani per Antichi Mestieri”, il cui inizio delle lezioni è previsto a breve, e per cui sono aperte le iscrizioni, grazie all’allestimento di laboratori appositamente attrezzati nelle tre sedi della Scuola.

Vi aspettiamo !!!

Per essere sempre aggiornati sulle nostre iniziative.
E’ possibile scaricare l’App.  MUSEIBLEI
da Play Store per Android  Smartphone_

___________________________________________